giovedì, febbraio 07, 2019

Le Odioguide

L'attualità preme, e il fumetto può diventare un mezzo eccezionale di divulgazione e comprensione. Le Odioguide nascono dall'esigenza di rompere gli argomenti del populismo con i fatti, i numeri, le date. Gli argomenti si possono risolvere facilmente quando si lasca emergere il dato di realtà e invece spesso i media rincorrono i temi del momento amplificando la confusione.
Le odioguide si trovano su amazon  


venerdì, dicembre 14, 2018

Connecticut College

Questo è un anno pieno di emozioni, sono stato nominato Weissman Visiting Artist al Connecticut College negli stati uniti, un riconoscimento rivolto ad artisti di pregio che poi realizzeranno workshops, letture e lezioni durante una residenza artistica in Connecticut. Il nostro progetto prevede intanto, un corso via Skype e la realizzazione di una piccola autofiction a fumetti, sotto la supervisione del grande insegnante e artista Timothy McDowell.  Vi terremo aggiornati. :)




domenica, settembre 30, 2018

Mostra su Capalbio

Per me capalbio è un pezzo di cuore, gli anni dell'adolescenza in cui avviene l'imprinting sociale li ho vissuti molto anche qui. Qui ho dei legami e dei ricordi che sono muri portanti della mia vita. Quando Michelina Eremita e l'organizzazione del Premio Arti Visive Capalbio mi hanno invitato a partecipare come ospite alla manifestazione con ritratti di personaggi significativi del territorio per me è stato un ritorno a casa. Grazie. Trovate le illustrazioni in mostra a Capalbio per tutto settembre. Sono grandi 60x80 centimetri e dal vivo fanno la loro figura, se non potete farvi questo regalo ;), eccole qua.
Questa occasione mi ha permesso di ritrovare amici cari con cui abbiamo costruito una lista di personaggi significativi per la zona, ne avevo sedici ma ne ho fatti sei, che potevano suscitare in me i riverberi che cercavo.

Questa è ispirata a Nicola Caracciolo, che si è battuto per l'ambiente e, fin da subito contro la costruzione della centrale nucleare di Montalto Di Castro. Ha anche scritto molto per la tv  sulla memoria del fascismo e del sessantotto. Caracciolo qui è il paladino che sfida il Moloch del regime inquinante e della speculazione, armato solo di penna.


Questo è stato il lavoro più difficile, adoro l'opera di Niki de Saint Phalle, il giardino die tarocchi è un'esperienza incredibile. Come fare un omaggio a Niki? L'ho immaginata come una regina, la sua corte sopra il paese a guardare l'orizzonte. Le opere invadono lo spazio e creano varchi dimensionali per altri mondi. Alta nel cielo la sua luna e il paladino si perde come un colosso all'orizzonte.



L
'oasi di Burano è stata la prima Oasi del WWF in Italia, forse nel mondo. Fulco pratesi cavalca un panda gigante nel lago di burano come un personaggio di Hayao Myiazaki.



Ho molto sentito parlare del barone di Sanjust di Teulada, scomparso qualche anno fa. Amico di Edoardo Agnelli, si era ritirato a capalbio da anni a fare il coltivatore e l'artista. ADorava le galline e spesso lo vedevano scalzo e con una corda per cintura. Il barone è stato lo spunto per riflettere sul ritiro creativo e l'indolenza artistica.




Il brigante Tiburzi è la vera rockstar della maremma. Tiburzi agiva prevalentemente nel viterbese ma venne poi catturato e ucciso a Capalbio. La foto celebre che trovate nei ristoranti di mezza toscana è fatta a lui già morto legato alla colonna del cimitero di capalbio. Il brigante era famoso tra i contadini perché si diceva che, come un moderno Robin Hood, gli rendeva i soldi rubati ai fattori. L'ordine costituito non lo voleva seppellire in terra consacrata, mentre i contadini lo volevano con tutti i sacramenti. Si decise di seppellirlo mezzo dentro e mezzo fuori dal cimitero. Ancora di più diventa un emblema della dualità dell'uomo e di questa pazza Italia che ci portiamo sulle spalle.




La storia del Buttero 2.0 è vera, si chiama diluvio di soprannome, e porta avanti la tradizione dei cowboy maremmani. Mi perdonerà Diluvio se l'ho usato come spinto per raccontare i grandi contrasti dei questa terra, tra tradizione e frivolezza, silenzio e musica a palla. Qui facevo il dj a sedici anni. Tunz Tunz.

domenica, settembre 16, 2018

L'incontro con Nicola Bernardi

Imagorbetello, non è solo un bel festival di fotografia, per noi è anche il momento dove conoscere persone di valore.

La nostra Accademia del Fumetto Siena, è nata come Imago nel 2013 e con loro stiamo crescendo incontrandoci ogni anno, condividendo esperienze, storie, come fanno i veri amici quando si trovano, ogni anno, per pochi giorni di festa.
Quest'anno abbiamo conosciuto anche Nicola Bernardi, proprio mentre stava presentando la sua mostra. Nicola descriveva le sue foto, ritratti di artisti incontrati per il mondo, con l'entusiasmo di chi vuole farti conoscere qualcuno di interessante, di chi ha un amico che assolutamente devi incontrare. Ho avuto la forte impressione che non usava le sue foto per celebrare sé, ma la mostra era il pretesto per raccontare le incredibili persone che aveva incontrato e fotografato. 
Questo è un autentico gesto artistico, come per le dame del rinascimento, rese immortali dall'attenzione che l'artista ha dedicato loro e che le fissa per sempre. Lo stesso atteggiamento umanistico che si percepisce nei lavori di Nicola Bernardi.
La persona, non come oggetto, ma come fine. Un ottimo contrasto in fotografia che spesso si muove tra il reportage dove conta la storia alta, e la foto di maniera in cui il soggetto è solo parte di una composizione pittorica. 
Immaginate la gioia quando Nicola, dopo che ci siamo conosciuti mi ha proposto di diventare il prossimo soggetto del suo viaggio artistico. Wow. 
Il festival è trascorso nella consueta vivacità in un clima artistico che insieme a qualche rara altra occasione dà la spinta e le idee per tutto l'anno a venire. Grazie a tutti, i nomi di questi amici e grandi fotografi li trovate sotto, coi rispettivi siti che vi invito caldamente a visitare e seguire.
Ed ecco, un paio di settimane fa ci ci incontriamo a Siena con Nicola, che ha portato Massimiliano Giorgeschi, un altro bravissimo fotografo.
Siamo stati quattro giorni insieme, abbiamo gustato le bontà senesi, ci siamo raccontati, abbiamo condiviso la loro incredibile attitudine al viaggio e la capacità di adattarsi, lavorare e crescere con gioia anche nelle situazioni più difficili. 

(Foto dei due fotografi nel loro habitat Senese)

Questa testimonianza diretta di attitudine al presente e di vivere il mondo intero come casa propria è diventato oggetto di una lezione di Nicola e Massimiliano al nostro corso di Fumetto Junior, perché la nostra missione come artisti e insegnanti è anche quella di aprire porte nei muri mentali.
Tutto questo è stato incredibile e non vi ho ancora fatto vedere le foto. ;
Adesso abbiamo tante belle foto di noi, che dovremo onorare lavorando sempre meglio, e sopratutto due nuovi amici di valore. 
Inutile dire che in questi giorni sono nate tante suggestioni e progetti per il futuro. 
A presto.

Grazie a 

Ecco alcune delle foto.

 Nicola Bernardi


Massimiliano Giorgeschi



venerdì, settembre 08, 2017

venerdì, maggio 26, 2017

Tolkien in Italia, errori interpretativi e chiavi di lettura.

Tolkien in Italia, fondamenti per principianti.


Nel 2006 alla discussione della mia tesi di laurea sulla storia del fantasy, un membro della commissione mi chiese perché Tolkien in Italia fosse considerato un autore di destra.
La questione ha ancora degli sprazzi e chiarire un paio di punti può servire a capire meglio questa anomalia tutta italiana che ha strappato Tolkien dall’ambito esclusivamente letterario per buttarlo in mezzo ad una posticcia dimensione politica

Immaginiamo che prima della generazione degli appassionati di fantasy come intrattenimento, dei fruitori di giochi di ruolo e per computer, dei romanzi, del fandom, del merchandise, dei film, dei fumetti, blog e serie tv ci fosse altro.
Prima di questo tempo, l’epica che faceva sognare era il Far West dei film americani e dei western all’italiana, o di qualche film storico coi barbari dalle parrucche approssimative e dalle scuri di gomma, anni in cui la fantasia era solo roba da bambini che si lasciava dopo l’adolescenza insieme ai calzoni corti, e a quei trastulli che i grandi chiamavano “i pupazzi” o “pupazzi animati”. Anni in cui in U.S.A e Giappone, ma anche nella Francia liberale stavano già portando alla costruzione di vere e proprie potenti  industrie dell’intrattenimento per ragazzi.

Immaginiamo che, da noi, in questi anni le cose veramente importanti, (oltre la figa) erano la lotta politica, il lavoro, il calcio, il film popolari, la cultura alta, insomma un tempo in cui il mondo degli adulti era roba seria, al massimo si poteva leggere un ‘giornaletto’ in bagno o in treno. 

Immaginiamo che, all’epoca, i comunisti si disinteressassero a qualunque cosa non portasse una presa di coscienza proletaria e che la destra, non potendo più rievocare apertamente il ventennio e i suoi miti, fosse assetata di figure e immagini ‘forti’ e si mettesse alla ricerca di nuovi idoli, di immagini proprie, un mondo di contenuti, sì conservatori, ma anche un poco sinistri e militareschi, in cui si confondevano Tradizione (con la T  maiuscola) e tradizionalismo esoterico.

Ai tempi in cui certi temi erano tabù, zeppati nel grande buco del rimosso nazi-fascista, tra i destrorsi i concetti tipici come patria, valore, fratellanza d’armi si mescolano ad altri linguaggi in cerca d’autore, rievocanti  il sangue e la razza, il comando, la purezza, ma anche l’idea stessa di origine, tradizione e azione, formando un immaginario vicino più agli estremismi internazionali che al “conservatorismo” normale degli altri paesi democratici, un immaginario ben definito che chiameremo d’ora in poi Tradizionalismo Esoterico.

Si può definire Tradizionalismo poiché nostalgico (più vicino ai simbolismi paganeggianti celtico-nazisti che alla retorica fascista della Romanità e al culto futurista della modernità), proteso verso una ricerca di un’essenza antica profonda e ideale, della dimensione ancestrale dell’esistenza, volendo anche pagana, ed Esoterico in quanto promuove la ricerca di segreti nascosti nel tempo, celati nell’epica e nel mito, un codice che solo ‘l’iniziato’ può scovare e usare  per purificarsi dalle sozzure del presente socialista o liberista.
Quale sarà il mezzo mitico di questa ricerca?
Qual è quell’entità in grado di riportare, attraverso le ere, la fragranza ontologica delle cose a chi ne conosce i segreti? Cosa ci permette di cogliere in uno sguardo l’essenza di aspetti molteplici, complessi e celati?

Signore e signori, è il simbolo!

Quale potente magia è racchiusa in questa cosa chiamata simbolo , un’immagine che passa indenne attraverso secoli e millenni serbando i suoi segreti e che riesce a rinfrancare il Tradizionalista Esoterico e a metterlo in contatto con la potenza della sapienza antica! Che il Simbolismo sia!

E cosa prova il nostro ‘Tradizionalista Esoterico’ quando nella cupezza degli anni di piombo, in cui tutto è militanza, compare, snobbato dal resto dell’Italia, il Signore degli Anelli, prima edizione completa Rusconi Milano 1970?
Eureka! Ecco sfilare in parata, tutti i motivi, tutti i temi e tutti i simboli che si agitano nel mondo del Tradizionalista Esoterico.
La lotta, la razza, la stirpe, la guerra, l’eroismo, la ricerca, il sangue, la fratellanza, e poi, il drago, l’albero, la stella, la montagna, il mare, il sole, l’anello!!!!!  E chi più ne ha più ne metta.

Il signor Tolkien aveva, inoltre, passato una vita a scrivere centinaia di pagine costruendo mondi e popoli e lingue e storie mitiche, piene di divinità, scontri, demoni, superuomini, flagelli...
Quale migliore scrigno di contenuti simbolici!


“Non tutto quel ch'è oro brilla,
Né gli erranti sono perduti;
Il vecchio ch'è forte non s'aggrinza,
Le radici profonde non gelano.
Dalle ceneri rinascerà un fuoco,
L'ombra sprigionerà una scintilla;
Nuova sarà la lama ora rotta,
E re quei ch'è senza corona”


Cosa pensò il nostro Tradizionalista Esoterico leggendo Tolkien?


Mh.. Effettivamente il profano (non iniziato) non sa distinguere l’oro della conoscenza dal metallo vile dell’ignoranza.
Accidenti, le radici che non gelano, è proprio calzante!
Attraverso le radici forti della tradizione svelata ai volenterosi gli erranti non sarebbero più stati perduti, dalle ceneri sarebbe rinato il fuoco dell’azione (o la fiamma) e la lama sarebbe stata riforgiata e pronta per l’avvento di una nuova purezza per i re senza corona.

Senza dirsi più neofascisti si poteva parlare grossomodo delle stesse cose, ancora di più  si poteva parlare con chi non era ancora addentro al percorso di Coscienza Tradizonalista: quale lettura sarebbe stata miglior propedeutico alla filosofia del tradizionalismo di Julius Evola & soci, guru dell’idealismo magico, del concetto di individuo assoluto e a tutto l’universo filosofico della tradizione esoterico-simbolica che pericolosamente si collegava all’arianesimo e alle teorie che tanto hanno distrutto il novecento?

Poi per finire, se andava bene per Tolkien, allora tutto ‘il fantasy’ che veniva stampato, sull’onda della moda diromprente in america e gran bretagna, [1] si poteva leggere in chiave Esoterico Tradizionalista. Sarebbe potuto essere “Simbolismo-for dummies”, primo stadio per accedere al potente mondo inziatico del Simbolismo della Tradizione, che vuole i simboli come contenuti segreti per i puri iniziati.


Questo clima ideologico è risultato fortemente coriaceo se perfino negli anni novanta  Alex Voglino scriveva un’introduzione di questo tipo, ad una antologia di racconti fantasy di puro intrattenimento,  dell’editrice Nord:

Ne deriva che – come adombrato da Eliade già nel “trattato di Storia delle Religioni” – è possibile, per chiunque abbia adeguata conoscenza e cultura in materia di linguaggi simbolici, ritrovare gli stessi in seno anche alle forme più laiche, degradate e moderne di narrazione di ispirazione mitica. Ne consegue, anzi sia detto una volta per tutte, che questa forma di interpretazione è la sola completa ed esauriente applicabile a qualunque genere di narrativa immaginaria che derivi anche solo alla lontana, anche solo per un eco remota, dal patrimonio mitico dell’umanità.
Tante incomprensioni, tante storiche cantonate, valga per tutte l’innamoramento degli hyppies americani per il Signore degli Anelli di Tolkien a metà degli anni ’60, si spiegano così: con il tentativo di avvicinarsi a una materia in realtà estremamente complessa e sottile come la narrativa fantastica, con strumenti o -peggio- con la supponenza gretta degli strutturalisti e di quelli che pretendevano di spiegare Dio con Freud.”

Praticamente se il simbolo sopravvive in qualunque forma, tutto diventa una porta d’accesso al patrimonio mitico dell’umanità. Qualunque opera ci parla di una natura “in realtà, estremamente complessa e sottile”, possiamo, con un gesto, collegare, che so, l’opera alchemica di Raimondo Lullo con la prima trilogia di Guerre Stellari e magari la seconda trilogia con il ciclo del graal di Chrétien de Troyes, con il Parsifal di Wolfram von Eschenbach, con Indiana Jones o  Dan Brown come se fossero modi diversi di guardare la stessa verità, o peggio come se fossero propedeutici gli uni agli altri verso una Verità sempre più complessa e slegata dalle storie che portano il simbolo e peggio ancora, indipendentemente dall’intento dei rispettivi autori...

Questo sistema che io ho esasperato, ma neanche troppo, ha un nome, si chiama Tradizione, con la ‘T’ maiuscola. E’ un concetto derivato dallo studioso esoterista francese di metà ottocento Renè Guenon e ripreso dagli esponenti e sostenitori dell’’Idealismo Magico’, Julius Evola in primis, tanto caro ai sostenitori dell’interpretazione simbolica di Tolkien.


Cosa è questa Tradizione?  Per farla breve, esiste un patrimonio mitico, ancestrale che si chiama Tradizione, questo patrimonio è quasi una cosa viva, una ‘idea pura’ quasi in senso Platonico. Un insieme incorruttibile di significati che vagano pulsanti e assoluti nell’universo delle idee: qualunque espressione del mito, dai miti della Bibbia, alle sorpresine coi “mostrini” nell’ovetto Kinder, è manifestazione più o meno corrotta e derivata di questa Tradizione.
Chiaramente al volgo non iniziato, capace solo di mangiare e riprodursi, il mostrino di plastica ‘made in China’ e la Bestia biblica dell’apocalisse sembrano due cose separate, diverse.
Invece chi ha intrapreso il percorso della conoscenza, pardon, Conoscenza, riesce a comprendere l’intima connessione tra due entità della Tradizione che differiscono solo in apparenza. Entrambe sono ‘La Bestia’ ed entrambe provengono dall’idea mitica di bestia che ansima, ruggisce e getta fuoco rosso dagli occhi  nella Tradizione dall’alba dei tempi.
Di più, l’Iniziato arriva a partecipare della Tradizione, a comprendere la non dualità tra sé, (essere superiore, puro, nobile spiritualmente, guida del prossimo e condottiero) e la Tradizione stessa, a fondersi in un tutt’uno rigenerante per tornare pronto al presente per attuare un’azione concreta sociale, poltica, eroica risolutiva e anche, diciamocelo, un ‘po’ maschia’, per cui Epos e azione politica si fondono un  tutt’uno retorico come ai tempi del nazifascismo, o come in una brutta copia dei nazisti di Indiana Jones.
Non possiamo neanche parlare serenamente di Archetipi, in quanto mi sembra che, ai tradizionalisti gli psicoanalisti e le idee sull’inconscio collettivo stiano un po’ sulle balle, in quanto i vari Freud e Jung osano sostenere, in soldoni, che è la mente dell’uomo che crea il mito e non viceversa.

Quindi insomma, chi se ne fotte della letteratura o degli autori, a chi interessa il perché un tizio scrive qualcosa? del come parla di un elfo e di una spada? e perché un altro tizio in modi e tempi diversi parla di un’altra spada e di un altro elfo? Perché prendere in considerazione cose tipo l’opera, la poetica del suo autore, temi e contenuti, il linguaggio, analizzare i testi e i periodi storici, quando possiamo mettere in relazione tutte le palle, le croci, i cerchi e i triangoli che appaiono nella letteratura e nell’arte alla ricerca nientemeno dell’affresco universale del Grande Architetto?

Certo la fortuna e la lettura di un’opera dipende anche da come si presenta e colloca editorialmente.
L’Italia presa nei suoi dibattimenti socio politici forse non aveva la casella per collocare un’opera letteraria di intrattenimento che non fosse manierismo didascalico clericale, o giornaletti per massaie o ragazzi.

Certamente la prefazione originale inglese di Tolkien al Signore degli Anelli era un po’ diversa e accessoria al testo di quella che in Rusconi si decise di mettere all’edizione italiana affidata ad Elémire Zolla che voleva essere una gigantesca imbeccata simbolico-antropologica al come leggere il testo. Magari semplicemente da noi non c’era ancora una maturità per affrontare il fantasy o la letteratura di genere coi metodi della critica letteraria normale. Sta di fatto che i due testi vanno in direzioni opposta.

Mentre Tolkien asserisce chiaramente che “Per quanto riguarda qualsiasi significato più profondo o‘messaggio’, l’opera nelle intenzioni dell’autore non ne ha. Non è allegorica né riguarda temi di attualità”; Zolla nella sua introduzione all’edizione italiana ci mette di tutto e di più, straparla, non solo perché anticipa praticamente il finale dimostrando di infischiarsene di intralciare il rapporto dell’opera coi lettori, della trama e dell’aspetto narrativo del romanzo, ma anche perché, sfoderando un armamentario smisurato di citazioni e riferimenti letterari, mette tutti i pezzetti possibili della trama del libro in relazione con altrettanti pezzetti di opere di altri, offrendo un ventaglio possibile di interpretazioni e relazioni quasi ipnotico.

Il “povero” Tolkien quando uscì il Signore  degli Anelli nel 1954, si era limitato, visti i tempi, a preoccuparsi solo che l’opera non fosse vista come allegoria diretta della geopolitica dei suoi anni, delle guerre mondiali,  che Sauron Fosse Hitler, Saruman Stalin e Elrond Churchill,  e a rifiutare letture che cercassero qualcosa di più in profondo di quello che c’è alla luce del sole, e che a nostro avviso basta e avanza per fare la fortuna del signore degli anelli: ovvero l’opera in sé...

Da buon conservatore del ceto medio inglese, suddito di sua maestà e uomo dalla profonda spiritualità cattolica romana, Tolkien non avrebbe potuto pensare all’interpretazione Simbolica italiana della sua opera neanche nei suoi deliri più sfrenati. Mai ne avrebbe immaginato le derive più strane, tipo che i suoi personaggi sarebbero diventati icone dei giovani neofascisti italiani che avrebbero fatto volantinaggio per decenni con raffigurati i guerrieri della Terra di Mezzo visti come camerati inneggianti all’Azione! o che i campi estivi del F.U.A.N. (giovani dell’MSI) si sarebbero chiamati ‘campi hobbit’.

C’è una similitudine tra i due errori, quello dell’interpretazione simbolica italiana e di quella allegorica temuta da Tolkien: è il fatto di cercare oltre il testo.
L’idea che un romanzo d’intrattenimento, evasione ed immaginazione non possa valere di per sé stesso, e che conti solo in quanto veicolo per messaggi più ‘importanti’ e, ‘seri’.
Certamente questo era comune nella  prima metà del novecento e l’autore del Signore degli Anelli ci teneva a sottolineare la differenza tra la fuga del disertore (dalla realtà) e l’evasione del prigioniero, nel senso di evadere dalla “schiavitù degli oggetti”, da un certo tipo di modernità.  Tolkien è chiaro: il fuggitivo si rigenera nella fiaba e nella fantasia, nello stupore infantile, nella sospensione del cuore, insomma in un momento prettamente poetico, intimo ed emozionale e mai vengono menzionati macchinosi e sinistri processi filosofico-simbolici.
 J. R. R. Tolkien, insieme al altri autori del suo tempo come C. S. Lewis, Twain, Lovecraft, Robert E. Howard, semplicemente faceva narrativa di intrattenimento per giovani e adulti, usava ‘il fantastico’ come linguaggio di elezione così come, Verne usava la scienza, Salgari usava l’avventura o Dickens e Dostoevskij usavano la società a loro contemporanea; Tolkien difese il fantasy come linguaggio per adulti in un opera fatta praticamente apposta: ‘On Fairy Tales[2]’.
Ecco cosa pensava in merito“..la connessione istituita tra bambini e fiabe non è che un accidente della nostra storia. Le fiabe, nel moderno mondo alfabetizzato, sono state relegate alla stanza dei bambini, così come mobili sciupati o fuori moda vengono relegati nella stanza dei giochi, soprattutto perché gli adulti non vogliono più vederseli d’attorno e non si preoccupano se vengono maltrattati.”
L’interpretazione Simbolica compie a mio parere lo stesso errore anche oggi, in anni politicamente meno impegnativi, quando rifiuta ostinatamente di affrontare Tolkien da un punto di propriamente letterario. Per esempio, la replica di Gianfranco de Turris[3] all’articolo di Arduini apparso recentemente sull’Unità e su Carmilla[4], difende il punto di vista simbolico dicendo che: “In tal modo si riesce a dare uno spessore a testi che altrimenti resterebbero, come Lo Hobbit e ancor più  Il Signore degli Anelli, non tanto favole per ragazzini quanto avvincenti storie di avventure per adulti, e nulla più. Invece sono qualcosa d’altro, altrimenti – ecco la domanda cui i vari Arduini non sono capaci di rispondere – non si spiegherebbe il loro duraturo successo di oltre 70 e 50 anni rispettivamente presso generazioni successive, con milioni di copie in tutto il mondo anche in nazioni non occidentali, che esisteva già prima dell’uscita della trilogia cinematografica. Un successo non contingente né superficiale dovuto “alla moda”, ma profondo, sentito, coinvolgente, extraletterario (ed è questo a distinguere Il Signore degli Anelli da altri famosissimi long sellers mondiali).”[5]  

E’ questo che afferma l’idea Simbolista e Tradizionalista?  Che bisogna dare spessore ai testi che altrimenti resterebbero storie di avventura e nulla più?  Che non si spiegherebbe un successo mondiale di quasi cento anni se non fosse extraletterario ?

…extraletterario?

E Pinocchio? Non è il libro più tradotto dopo i testi sacri? Omero? Non è letteratura scritta da circa duemilasettecento anni? Dante Alighieri?  Shakespeare? Edgar Allan Poe? Jules Verne? Dostoevskij,  Bram Stoker?  Cervantes? Dikens? Jane Austen, Tolstoy? Hemingway, George Orwell, Via col Vento o il Mago di Oz? Tom Sawyer, Petrarca, Ariosto?  E tutti gli altri?
Praticamente la stessa definizione di ‘classico’ invalida (ridicolizza?) questa chiave di lettura in cui si agita lo spettro dell’ignoranza italiana alla lettura d’evasione, una società che non ha mai realmente mai sposato il libro.
Una storia che funziona e piace a svariate generazioni nel mondo diventa un classico della letteratura senza avere bisogno di altro.
Se poi dovessimo, noi, uscire dall’ambito letterario allora sarebbero dolori, come collocare nella Tradizione le icone della modernità che stanno compiendo un secolo: per esempio Elvis, Topolino e Paperino, Soopy, Dick Tracy, Superman, Spiderman, Marylin Monroe, Jim Morrison, Humphrey Bogart, i Beatles, devono forse la loro fama centenaria a causa di un qualche Sovrasenso filosofico o semplicemente hanno la forza e la fortuna per intrattenere ed emozionare più di una generazione?
Ai lettori l’ardua sentenza…

***

A questo punto mi sembra importante volgere una domanda ai sostenitori dell’interpretazione simbolica di Tolkien.
Perché cercare simboli e radici nella Terra di Mezzo? L'interpretazione simbolica del fantasy è una tendenza solo italiana, ma allora perché disturbare Tolkien? Noi non abbiamo piuttosto radici simboliche mediterranee e italiche? Quelle sì che non gelano, il materiale nordico a cui si rifà Tolkien è successivo al corpus letterario, mitologico e simbolico mediterraneo, quando non germogliato dalle ceneri dell'immaginario greco romano, e quindi non vi sembra idiota, da italiani cercare radici in Tolkien?
I contenuti della mitologia e della letteratura nord europea vennero redatti e diffusi per la prima volta con Giulio Cesare nel ‘De Bello Gallico’ o giù di li. Siamo nel I secolo a.C, la letteratura cortese nordica che ispirerà Tolkien è successiva e neanche di poco.., il Beowulf è del VIII secolo d. C., l’Edda di Snorri Sturluson è del 1100 d.C., cioè questa roba ha visto forma scritta quando l’antichità mediterranea, le radici vere, era già tramontata, moltissimi motivi letterari della letteratura mediterranea greco-romana, sono ri-diventati materia della tradizione orale medeivale germanica e poi di nuovo redatti dopo il mille.  Cioè: noi latini probabilmente abbiamo scritto poemi letterari come fiction, che poi sono diventati mitologia per i germani.
Sembra un racconto ucronico di Philip K. Dick.

Perché disturbare Tolkien quando abbiamo a disposizione Omero, Esiodo, Virgilio, i tragici greci, Lullo, Cusano, Dante, Petrarca, Sant’Agostino e i padri della chiesa?
Insomma abbiamo le fonti originali del mito e della cultura occidentale, abbiamo le opere più elevate e complesse della letteratura e della filosofia medievale, e cerchiamo ristoro metafisico e spirituale nel povero Tolkien che afferma espressamente che da lui non c’è trippa per gatti e di non cercare significati più profondi? Che lui fa solo intrattenimento poetico?
Invece di mettere cappelli simbolici a Frodo, fate uno sforzino, leggete un po’ di più e metteteli a Minosse, a Orfeo, Enea, Caronte. Lasciate stare i poveri hobbit.
Attendiamo una risposta, intanto speriamo in un prossimo convegno letterario su Tolkien dopo la fantastica riuscita di quello di Modena a maggio 2010.

***

Un antipasto hobbit: le chiavi pe capire Tolkien.

Per entrare nel merito di Tolkien, l’interpretazione simbolica semplicemente non funziona neanche come utilizzo di elementi del mito e della tradizione (con la minuscola o la maiuscola). Basta guardare con attenzione e masticare un poco di mitologia per vedere come Tolkien sistematicamente sostituisca con la propria poetica il senso dei temi e delle figure letterarie cosicché quasi ogni forma perde il suo significato originale e mitico e ne prende uno ‘tolkeniano’, e forse proprio questa è la forza della Terra di Mezzo, che ha un suo senso profondo, ben diverso dal mito da cui origina e che parla di noi, uomini e donne della contemporaneità.

Tolkien, come aveva fatto con le lingue germaniche per creare l’elfico, anche per i significati prende, crea e plasma, sposta e ricolloca tutto in un personale affresco, in una poetica pura e semplice, certamente dal carattere spirituale e poetico suo personale..

Tolkien crea una sintesi tra la sospensione poetica e lirica con l’epica avventurosa valoriale, ed etico-morale. I valori di base sono quelli dell’autore e non quelli della Tradizione. Tolkien era un credente cattolico dalla profonda spiritualità, ma lo scopo non è semplicemente evangelico, Tolkien filtra tutto il suo mondo interiore valoriale e culturale e personale per creare un’opera di portata superiore alla mera somma delle parti, per questo l’analisi biografica (che lui peraltro aborriva) fornisce elementi utili ma parziali. Per comprendere meglio sciogliamo per un attimo questa treccia di poesia ed epica.

Il cuore poetico dell'opera Tolkeniana.

Nel 1913 Tolkien sostenne che contemplare Venere, “the morning star” gli provocava “un curioso palpito, come se in me si rimescolasse qualcosa, risvegliato per metà da un sonno”[6].
Certo è, che un seme fondante per tutta la sua opera fu una riga, tratta dal Crist di Cynewulf, una raccolta di poemetti sacri anglosassoni: Eala Eärendel engla beorhtast, (il viaggio di Eärendel stella della sera).
Tolkien dedusse che Eärendel fosse proprio la morning star e ritenne che di aver scoperto la radice di un mito originale anglosassone nella fiaba nordica che associa la stella del mattino al marinaio eroico Orentil; più tardi scrisse: “dietro quelle parole c’era qualcosa di molto remoto, strano e meraviglioso, se avessi potuto coglierlo, molto dietro l’antico inglese”[7]. Da questi versi il giovane Tolkien trasse un componimento suo che iniziava così:

“Sorse Eärendel dove la tenebra fluisce
Dell’Oceano alla riva silenziosa;
Per la bocca della notte, quasi raggio che lambisce
La costa dov’è pallida e scoscesa
Lanciò la barca come scintilla d’argento
Dalla sabbia estrema e solitaria;
E alle brezze del giorno che muore in un incendio
Egli salpò dall’Ovestlandia. [8]

Dopo aver scoperto questo nome e suono, Eärendel, che come una stella brillava dal profondo buio dei secoli e dopo averlo assimilato secondo il proprio modo, l’autore iniziò a creare un mondo o una versione tolkeniana del mondo, come se lo scoprisse da dentro di sé, per donarlo a Eärendel, ed a sé stesso, in un processo di costruzione che durerà per tutta la sua vita.


Questa componente emozionale è l’aspetto più intimamente poetico di Tolkien scrittore e sarà costante, in tutta l’opera e con essa, da questa matrice poetica nasce il lirismo legato alle stelle e quindi agli elfi, uno degli architravi dell’epica fantasy tolkeniana e non. Quindi la Terra di Mezzo sembra scaturire per colmare un abisso contemplativo e prende forma, dapprima nella lingua, poi nei popoli ed infine nelle gesta.

Il cuore  epico dell'opera tolkeniana.

Principalmente la terra di mezzo è un luogo dove si operano scelte etiche e morali, dove si contrasta il male soverchiante tramite l’offerta di sé.  La  Subcreazione[9] rispecchia le dinamiche etiche di scelta, grazia e caduta del mondo primario, come azzecca Zolla nell’introduzione all’edizione italiana:
“Infatti ci vuol poco a sentire che egli sta parlando di ciò che tutti affrontiamo quotidianamente negli spazi immutevoli che dividono la decisione dal gesto, il dubbio dalla risoluzione, la tentazione dalla caduta o dalla salvezza. Spazi, paesaggi uguali nei millenni, ma da lui riscoperti in occasioni prossime a quelle che noi stessi abbiamo conosciuto.”

Ci vuol poco a sentire’ ma nell’Italia politicizzata e nel mondo ‘degli adulti’ di trent’anni fa non c’era verso di accettare questo tipo di opera d’intrattenimento ‘in costume’, che tratta di tematiche chiare, epiche, umane e spirituali.

Una chiave per leggere in modo preciso l’aspetto etico relativo alle gesta nella Terra di Mezzo, ce la dà l’autore: 
Ma, naturalmente, se desidera una riflessione più profonda, dirò che all’interno del tipo di storia, la «catastrofe » esemplifica (per un aspetto) le parole familiari: «Perdona i nostri nemici come noi perdoniamo chi ci ha offeso. Non indurci in tentazione, ma liberaci dal male». 
«Non indurci in tentazione ecc.» è la richiesta più dura e meno spesso considerata. L’idea, all’interno della mia storia, è che nonostante ogni avvenimento e ogni situazione abbiano (almeno) due aspetti: la storia e lo sviluppo dell’individuo (è qualcosa da cui possiamo ricavare del bene, del bene definitivo, per lui stesso, o non riuscirci), e la storia del mondo (che dipende dalle sue azioni per il suo stesso bene) — ci sono tuttavia situazioni anormali in cui uno può trovarsi.”[10]
 

Siamo di fronte ad uno schema che parte da precisi spunti cristiani per dar forma ad un motivo letterario coerente in una poderosa messa in scena universalmente valida: al soggetto è dato liberamente il potere di compiere il bene nel proprio contesto (rimettere i debiti), così facendo si predispone a ricevere la grazia divina (avere i propri debiti rimessi) necessaria per vincere il male universale che “cristianamente” in Tolkien è superiore alle forze dell’individuo da solo (non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male).

Di draghi e di hobbit

Altri motivi tolkeniani partono sempre dalla stessa matrice leggendaia e ma vengono dotate di un nuovo significato cristiano personale.

Vediamone alcuni spunti:
Gli ultimi diventano i primi: gli hobbit, ignorati dalla storia epica della Terra di Mezzo salvano il mondo al posto e meglio dei grandi eroi del mito diventano il sassolino che inceppa l’ingranaggio epico della guerra al male fatta con le spade e gli eserciti, in questo senso Tolkien stesso relega le gesta guerresche sullo sfondo stemperandone molto l’importanza pur mantenendo il carattere avventuroso ed evocativo.  Frodo dopo la caduta del “politico” Boromir compie un viaggio all’insegna della privazione che “di fatto” sabota il meccanismo epico, degli eroi e dei cavalieri.
Grande significato che non esisteva nelle leggende è la capacità di donarsi per il bene di chi si ama (frodo-sam, arwen-aragorn, beren-luthien), che il male si sradica attraverso l’amore profondo ed il donarsi indiscriminatamente a dispetto della forma e dell’appartenenza e delle convenzioni.
Principalmente Tolkien parla del pericolo del potere e della caduta inesorabile di chi opera dissociandosi dai legami profondi ed umani col prossimo, calpestando gli altri per promuovere un ordine generale (Sauron), sia di chi si inchina all’avidità della modernità diventando tecnocrate (Saruman) altro tema sconosciuto al mito e all’antichità.

Le stesse creature mitologiche che nella tradizione sono interlocutori dell’eroe, soggetti narrativi indipendenti e impregnati dei modi, dei valori e degli scopi tipici delle genti e delle epoche  in cui vengono usati nei miti e nelle fiabe, in Tolkien vengono riempiti di senso nuovo e collocati nella sinfonia generale.
Le grandi aquile diventano deus ex machina, strumento della grazia, (più in senso manzoniano che nordico), gli elfi tradizionalmente creature dell’altrove ctonio o fantastico, ma comunque minaccioso, diventano metafora della creatività , entità del fare e della hybris, partecipi della creazione, inventori del linguaggio ma invidiosi del dono della morte e dei misteri dell’aldilà fatto agli umani.  Gli orchi sono gli oggetti del male, realizzati pasticciando biologicamente con gli elfi per offendere la creazione. L’anello perde presto ogni significato della tradizione scandinava o medievale di lealtà e sugello e diventa caratteristica del male che opera dissolvendosi negli oggetti in quanto esso è sterile e incapace di moltiplicarsi tramite il dono di sé. La lista sarebbe lunga ma il professore di Oxford ha scritto tanto sulle sue cose cambiando spesso anche il senso di quanto aveva scritto anni prima. Basta avere la pazienza e la chiarezza di prestare orecchio alle sue parole.

Il “Signore degli Anelli” e “Lo Hobbit” sono opere d’intrattenimento e d’evasione nel senso che abbiamo spiegato, il resto del materiale a parte poche cose, erano scritti intimi di uso “personale” che certo l’autore non avrebbe pubblicato. Tutto parla di un percorso dell’esistenza sulla sospensione poetica, sulla nostalgia del tempo perduto e sulla scelta tra bene e male, il risultato generale è una messa in scena tra le più belle e accurate della storia della letteratura.
Mi sembra evidente che non attacco l’interpetazione tolkeniana di una certo pensiero italiano di  destra  per spostare in qualche modo l’asse verso una qualche “sinistra”; semplicemente va detto chiaramente che il conservatorismo normale e “monarchico parlamentare” di Tolkien è ben lontano dal Tradizionalismo nazistoide e sulfureo derivato da Evola e che non ci non si può forzare nell’interpretazione delle opere sulla terra di mezzo se non distanziandosi dall’autore stesso. Il mio interesse è lontano dalle questioni politiche in letteratura e dedicato principalmente a temi di cultura letteraria, mediatica e popolare.  Questo mio piccolo omaggio parla di critica letteraria, anche se ‘alla carlona’, e mi scuso, fin da ora per l’impertinenza che non voleva essere offensiva, ma è mirata tracciare un quadro verosimile e a tratti esagerato solo per spalancare ulteriormente le finestre e contribuire anche di poco ad una approccio più testuale a Tolkien in un epoca in cui la materia la fantasia per adulti è una questione globale sperando che anche in Italia si cominci finalmente a mettere al centro l’opera anziché questioni socio-politco-mondane. Indubbiamente se l’interpretazione simbolica avesse dei fondamenti ancorati, in qualche modo al testo letterario o agli scritti dell’autore, certi miei appunti non potrebbero fare che bene al dibattito.

Daniele Marotta.




[1]              Ovviamente il Fantasy non è mai stampato in modo organico in italia e non è mai stato oggetto di alcuna critica letteraria, non è mai stato stampato tutto quanto precedette Tolkien e lo ispirò come per esempio le numerose opere di William Morris, che era socialista e vedeva la risposta alla modernità nell’età dell’oro del lavoratore rappresentato, per lui,  dalle corporazioni medievali. Quindi la destra filosofica ne ne è potuta impossessae nel disinteresse generale.
[2]              In italia, in J.R.R.TOLKIEN, Albero e Foglia, Milano Rusconi, 1984.
[6]              DAVID DAY, The World of Tolkien, Mithological Sources of The Lord of he Rings, Mitchell Beazley an imprint of Octopus Publishing Group Limited, London 2003.
[7]              The World of Torlkien; Op. cit.
[8]              HUMPHEREY CARPENTER, J. R. R. Torlkien. La biografia; Fanucci, Roma 2002.
[9]              Termine coniato da Tolkien, la realizzazione di un autore nel creare un proprio microcosmo letterario coerente, che celebri i principi etici della creazione primaria: il mondo reale. Questa specularità tra l’epica fantasy e l’etica cristiana distingue la sub-creazione di Tolkien dai ‘secondary worlds’ precedenti come quelli di William Morris, Lord Dunsany o Eric Rücker Eddison.

[10]            J.R.R.TOLKIEN, La realtà in trasparenza, lettere 1914-1973, Milano, Rusconi, 1990, Lettera 181.

giovedì, settembre 15, 2016

Inferno 1861, il nuovo libro.

Casa un po' la ami e un po' la odi, è normale... 
...pero' casa è casa.

Casa mia sono Orbetello, Porto Ercole e la terraferma intorno.

Orbetello mi possiede, il giorno con le sue luci potenti e il blu che ti circonda, i palazzi che vibrano di colore o con tutto il grigio e salmastro degli inverni desolati. Di buio Orbetello mi si appende al collo come un ferro, con l'aurelia piena di camion, il deserto ostile dei luoghi e la muta, umida  ostinazione del tutto.
Orbetello pero' è anche la famiglia, le persone della terra marina col cuore caldo e i denti stretti, sprezzanti e affettuosi insieme. 

Orbetello sarà la casa del nuovo libro, fatto tra amici: Inferno 1861. 
Editore Effequ, sempre sul pezzo e in esplorazione come un coraggioso lupo di mare, e la sua nuova collana di romanzi grafici, curata dall'amico e grandissimo Stefano Cardoselli, artista vero del fumetto come non ci sono in giro. 

Ci siamo trovati una mattina per firmare il contratto a pochi metri dal piazzale dove, ragazzini, sciamavamo dalle scuole verso gli autobus che ci avrebbero riportati nelle case dei porti e delle campagne, una nube sulla testa e nello stomaco, alle orecchie la musica del cuore, magari un fumetto in cartella. 

Le foto le ha fatte Marco Arienti, con cui scrivevamo i testi delle canzoni sui sedili degli autobus a quindici anni e che allora mi ha fatto conoscere Stephen King, i dischi e la calligrafia delle audiocassette, oggi fotografo spaziale e curatore. Con Marilena Rossi che e' la vera Orbetellana della Famiglia, qui in veste di Musa, lei che è diventata esigente tecnica dell'arte e designer appassionata, che dire... qui mi sentivo come essere gli Avengers! 

Del libro parleremo via via, si tratta del grattare via la vernice e tirare fuori quello che c'è sotto.

Con questo post inzierà un backstage di produzione con cui vi accompagnerò fino a fine anno data prevista per la consegna.

Grazie Marilena Rossi, Marco Arienti, Fernando Quatraro, Stefano Cardoselli. Davvero.





"Vedi? Sarà un incrocio tra il Marchese del Grillo e Hellboy..."  "Hellche?"


Questa sarà una scena difficilissima dove cercherò di fare veramente paura al lettore, senza trucchi, citazioni e musica è veramente difficile.


Sarà intorno alle 130 pagine, prima faccio tutto il libro in layout con micromina 2b, rispettando l'impaginazione così da trovare le reference, archiviarle ed avere una prima esperienza di lettura definitiva e regolare il ritmo e la regia del tutto. L'ordine delle pagine dovrà sempre corrispondere per cui se mi accorgo che nel mezzo per funzionare manca una pagina ne aggiungo due.



Babbo una sega! ... Educazione Maremmana, Salvatores non ha capito nulla.


Il libro si intitolerà Inferno 1861, un'avventura del Conte Tolomei.
Abbraccio a denti serrati, come si conviene tra autore e editore, un classico vero Riccardo Bruni?



to be continued...