mercoledì, marzo 16, 2022

Le interviste Impossibili

 


Filologi e studenti delle scuole impegnati a far rivivere autori e personaggi della storia della letteratura e dell'attualità in una serie di interviste di cui sono stato onorato di fare i fumetti.


Le interviste impossibili sono un progetto nato con DFCLAM il Dipartimento di Filologia e Critica Letteraria Antica e Moderna dell'Università degli Studi di Siena. I ricercatori hanno scritto dialoghi immaginari coi loro autori o personaggi letterari più amati e io mi sono divertito a illustrarli sperimentando per ognuno un registro narrativo e grafico diverso.



Il progetto poi è stato esteso ad alcune scuole superiori italiane tramite un bando e sono arrivate un sacco di interviste brillanti a personaggi letterari, storici o emblematici della contemporaneità, da Ulisse al piccolo Aylan Kurdi ucciso dal mare durante un viaggio della speranza. 
Il lavoro sulle storie vincitrici del concorso mi ha permesso di sperimentare con ancora maggiore libertà.







mercoledì, luglio 14, 2021

Superzelda New Edition

A dieci anni dalla prima edizione italiana comunichiamo con orgoglio che Minimum Fax mette Superzelda nella collana Minimum Classics, con una nuova edizione distribuita in tutte le librerie, e una nuova copertina che fa il giro e che mostra in questo modo tutta la vita di Zelda Fitzgerald in un'arco pittorico unico con la vecchia cover.

Que Viva Zelda!




giovedì, settembre 10, 2020

Guida Erotica di Siena

 Il libro più venduto a Siena durante il lockdown ha questo 'culo' in copertina fatto dal sottoscritto.

E' stato un progetto entusiasmante con cui Riccardo Cerpi delle edizioni il Leccio e Massimo Biliorsi ottimo autore di molte belle guide di misteri senesi si sono addentrati nel raccontare le storie erotiche della città. 

Siamo stati coinvolti con Scuole di Fumetto e Scrittura a partecipare con delle illustrazioni e abbiamo contribuito volentieri perché l'erotismo è un'ottima palestra per esprimere energie creative giocando tra i paletti della provocazione e il buon gusto. 





In questo caso, dopo vari tentativi il 'sedere' in questione diventa una quinta e la città di Siena lo spazio del desiderio spiato tra queste mura d'eccezione. 

giovedì, febbraio 07, 2019

Le Odioguide

L'attualità preme, e il fumetto può diventare un mezzo eccezionale di divulgazione e comprensione. Le Odioguide nascono dall'esigenza di rompere gli argomenti del populismo con i fatti, i numeri, le date. Gli argomenti si possono risolvere facilmente quando si lasca emergere il dato di realtà e invece spesso i media rincorrono i temi del momento amplificando la confusione.
Le odioguide si trovano su amazon  


venerdì, dicembre 14, 2018

Connecticut College

Questo è un anno pieno di emozioni, sono stato nominato Weissman Visiting Artist al Connecticut College negli stati uniti, un riconoscimento rivolto ad artisti di pregio che poi realizzeranno workshops, letture e lezioni durante una residenza artistica in Connecticut. Il nostro progetto prevede intanto, un corso via Skype e la realizzazione di una piccola autofiction a fumetti, sotto la supervisione del grande insegnante e artista Timothy McDowell.  Vi terremo aggiornati. :)




domenica, settembre 30, 2018

Mostra su Capalbio

Per me capalbio è un pezzo di cuore, gli anni dell'adolescenza in cui avviene l'imprinting sociale li ho vissuti molto anche qui. Qui ho dei legami e dei ricordi che sono muri portanti della mia vita. Quando Michelina Eremita e l'organizzazione del Premio Arti Visive Capalbio mi hanno invitato a partecipare come ospite alla manifestazione con ritratti di personaggi significativi del territorio per me è stato un ritorno a casa. Grazie. Trovate le illustrazioni in mostra a Capalbio per tutto settembre. Sono grandi 60x80 centimetri e dal vivo fanno la loro figura, se non potete farvi questo regalo ;), eccole qua.
Questa occasione mi ha permesso di ritrovare amici cari con cui abbiamo costruito una lista di personaggi significativi per la zona, ne avevo sedici ma ne ho fatti sei, che potevano suscitare in me i riverberi che cercavo.

Questa è ispirata a Nicola Caracciolo, che si è battuto per l'ambiente e, fin da subito contro la costruzione della centrale nucleare di Montalto Di Castro. Ha anche scritto molto per la tv  sulla memoria del fascismo e del sessantotto. Caracciolo qui è il paladino che sfida il Moloch del regime inquinante e della speculazione, armato solo di penna.


Questo è stato il lavoro più difficile, adoro l'opera di Niki de Saint Phalle, il giardino die tarocchi è un'esperienza incredibile. Come fare un omaggio a Niki? L'ho immaginata come una regina, la sua corte sopra il paese a guardare l'orizzonte. Le opere invadono lo spazio e creano varchi dimensionali per altri mondi. Alta nel cielo la sua luna e il paladino si perde come un colosso all'orizzonte.



L
'oasi di Burano è stata la prima Oasi del WWF in Italia, forse nel mondo. Fulco pratesi cavalca un panda gigante nel lago di burano come un personaggio di Hayao Myiazaki.



Ho molto sentito parlare del barone di Sanjust di Teulada, scomparso qualche anno fa. Amico di Edoardo Agnelli, si era ritirato a capalbio da anni a fare il coltivatore e l'artista. ADorava le galline e spesso lo vedevano scalzo e con una corda per cintura. Il barone è stato lo spunto per riflettere sul ritiro creativo e l'indolenza artistica.




Il brigante Tiburzi è la vera rockstar della maremma. Tiburzi agiva prevalentemente nel viterbese ma venne poi catturato e ucciso a Capalbio. La foto celebre che trovate nei ristoranti di mezza toscana è fatta a lui già morto legato alla colonna del cimitero di capalbio. Il brigante era famoso tra i contadini perché si diceva che, come un moderno Robin Hood, gli rendeva i soldi rubati ai fattori. L'ordine costituito non lo voleva seppellire in terra consacrata, mentre i contadini lo volevano con tutti i sacramenti. Si decise di seppellirlo mezzo dentro e mezzo fuori dal cimitero. Ancora di più diventa un emblema della dualità dell'uomo e di questa pazza Italia che ci portiamo sulle spalle.




La storia del Buttero 2.0 è vera, si chiama diluvio di soprannome, e porta avanti la tradizione dei cowboy maremmani. Mi perdonerà Diluvio se l'ho usato come spinto per raccontare i grandi contrasti dei questa terra, tra tradizione e frivolezza, silenzio e musica a palla. Qui facevo il dj a sedici anni. Tunz Tunz.

domenica, settembre 16, 2018

L'incontro con Nicola Bernardi

Imagorbetello, non è solo un bel festival di fotografia, per noi è anche il momento dove conoscere persone di valore.

La nostra Accademia del Fumetto Siena, è nata come Imago nel 2013 e con loro stiamo crescendo incontrandoci ogni anno, condividendo esperienze, storie, come fanno i veri amici quando si trovano, ogni anno, per pochi giorni di festa.
Quest'anno abbiamo conosciuto anche Nicola Bernardi, proprio mentre stava presentando la sua mostra. Nicola descriveva le sue foto, ritratti di artisti incontrati per il mondo, con l'entusiasmo di chi vuole farti conoscere qualcuno di interessante, di chi ha un amico che assolutamente devi incontrare. Ho avuto la forte impressione che non usava le sue foto per celebrare sé, ma la mostra era il pretesto per raccontare le incredibili persone che aveva incontrato e fotografato. 
Questo è un autentico gesto artistico, come per le dame del rinascimento, rese immortali dall'attenzione che l'artista ha dedicato loro e che le fissa per sempre. Lo stesso atteggiamento umanistico che si percepisce nei lavori di Nicola Bernardi.
La persona, non come oggetto, ma come fine. Un ottimo contrasto in fotografia che spesso si muove tra il reportage dove conta la storia alta, e la foto di maniera in cui il soggetto è solo parte di una composizione pittorica. 
Immaginate la gioia quando Nicola, dopo che ci siamo conosciuti mi ha proposto di diventare il prossimo soggetto del suo viaggio artistico. Wow. 
Il festival è trascorso nella consueta vivacità in un clima artistico che insieme a qualche rara altra occasione dà la spinta e le idee per tutto l'anno a venire. Grazie a tutti, i nomi di questi amici e grandi fotografi li trovate sotto, coi rispettivi siti che vi invito caldamente a visitare e seguire.
Ed ecco, un paio di settimane fa ci ci incontriamo a Siena con Nicola, che ha portato Massimiliano Giorgeschi, un altro bravissimo fotografo.
Siamo stati quattro giorni insieme, abbiamo gustato le bontà senesi, ci siamo raccontati, abbiamo condiviso la loro incredibile attitudine al viaggio e la capacità di adattarsi, lavorare e crescere con gioia anche nelle situazioni più difficili. 

(Foto dei due fotografi nel loro habitat Senese)

Questa testimonianza diretta di attitudine al presente e di vivere il mondo intero come casa propria è diventato oggetto di una lezione di Nicola e Massimiliano al nostro corso di Fumetto Junior, perché la nostra missione come artisti e insegnanti è anche quella di aprire porte nei muri mentali.
Tutto questo è stato incredibile e non vi ho ancora fatto vedere le foto. ;
Adesso abbiamo tante belle foto di noi, che dovremo onorare lavorando sempre meglio, e sopratutto due nuovi amici di valore. 
Inutile dire che in questi giorni sono nate tante suggestioni e progetti per il futuro. 
A presto.

Grazie a 

Ecco alcune delle foto.

 Nicola Bernardi


Massimiliano Giorgeschi